X-Off Fotografia Europea 2012

X-Off Fotografia Europea 2012
14 MAGGIO 2012 | PREMIAZIONE X-OFF FOTOGRAFIA EUROPEA 2012
Reggio Emilia

Si chiama Lorenzo Fontanesi ed è il vincitore dell’X-Off, il concorso ispirato ai meccanismi di programmi televisivi come X-Factor che si è svolto domenica sera nell’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

La rapper e dj La Pina ha dialogato, guadagnandosi la simpatia del pubblico, con la cantante e attrice Angela Baraldi, il giornalista, fotografo e conduttore televisivo Carlo Massarini e l’architetto Italo Rota.

I tre giurati hanno scelto i tre nomi tra i quindici fotografi, selezionati dai critici d’arte Elio Grazioli, Gigliola Foschi e Daniele De Luigi, tra i partecipanti al Circuito Off e Off on-line di questa settima edizione di Fotografia Europea. I quindici progetti scelti erano quelli di: Marta Primavera, Lorenzo Fontanesi, Monica Carozzi, Annachaiara Lodi, Massimiliano Boschini, Progetto ReFoto, Deja Vu, collettivo QD, Antenore Diotallevi, Sara Casna,  Maurizio Cintioli, Arianna Lodeserto, FabioGasparri, Daniela Silvestri e Massimiliano Tempesta,  Luigi Barbato.

I tre nomi sono stati proposti al pubblico, chiamato a decretare il vincitore finale del concorso che, come premio, ha ricevuto materiale fotografico. I tre finalisti sono stati appunto Lorenzo Fontanesi (primo posto con la mostra “Àtomos”), seguito da Arianna Lodeserto (italiana, che vive a Parigi, si è aggiudicata il secondo posto con il portfolio on-line “The passenger”) e Maurizio Cintioli (romano, è arrivato terzo con il progetto on-line “Moltitudini”).  Le foto del reggiano Lorenzo Fontanesi sono esposte in via Guidelli 4; la mostra, aperta fino al 20 maggio, è una raccolta di dieci ritratti di famiglia. “L’iconografia del ritratto di famiglia – spiega lo stesso Fontanesi – è una rappresentazione dell’àtomo. Una comunità può essere descritta nel tempo e nella sua evoluzione sociale mediante una raccolta di ‘ritratti di famiglia’. Il concetto di ‘famiglia’ è un concetto cangiante, a seconda della cultura, religione e stato sociale esso assume forme differenti, è un nucleo che può essere composto anche da un solo individuo, ma che possiede come caratteristica etica intrinseca l’inseparabilità delle parti che la compongono (àtomo). La comunità cittadina è composta dall’insieme delle ‘Famiglie’ , essa ne determina il vivere comune e le regole. L’una è espressione del grado di interazione delle altre, quanto più gli àtomi ‘famiglia’ interagiscono nella loro diversità, tanto più la comunità cittadina ne trae beneficio ed accresce la propria consapevolezza ed unicità”.

<